Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

3 Comments

7 giorni da liscia per capire quello che la gente pensa veramente di te

7 giorni da liscia per capire quello che la gente pensa veramente di te
maria

Avete mai notato a come reagisce la gente quando vi vede con i capelli lisci? Io sì e ve lo racconto in questo post.

Se quando avete i capelli ricci i vostri amici, familiari, colleghi, conoscenti e persino l’impiegata del reparto salumeria del supermercato che solete frequentare si riferisce a voi e ai vostri capelli con appellativi quali “boccoli“, “ricciolina“, “bellissimi capelli” e simili, quando vi presentate con i capelli lisci il vocabolario cambia. Se il primo giorno si limitano ad apprezzamenti pacati e generici, lasciate che passino alcuni giorni ed eccovi catapultati indietro ai tempi della scuola, quando i vostri compagni di classe non avevano peli sulla lingua e si rivolgevano a voi con soprannomi quali “cespuglio”, “montagna”, “mocho vileda”, solo per citarne alcuni.

Ma vediamo giorno per giorno le tipiche reazioni e i commenti che riceverete durante la vostra settimana da liscia.

Lunedì – giorno 1

title (9)

Arrivi in ufficio e uno dopo l’altro i tuoi colleghi ti chiedono: “Hai stirato i capelli?

Vorresti rispondere “Ma va? Ma c’è bisogno di chiederlo?”

Invece rispondi: “Sì, sono stata dal parrucchiere per una spuntatina ed ho approfittato per farmi fare una piega diversa.”

Le tue colleghe, sono invece più furbe: “Quasi non ti riconoscevo. Stai benissimo. Ma hai fatto anche le extensions? No, perché di solito hai i capelli più corti”. Dicevo più furbe???

Martedì – Giorno 2

title (10)

 

Ecco, se il giorno 1 erano stati tutti accorti a non far trapelare ciò che pensavano davvero, il giorno due già si lasciano andare.

Le donne: “Ma lo sai che stai proprio bene con i capelli lisci? Tra l’altro ti snelliscono. Scommetto che piacciono molto anche al tuo ragazzo

Gli uomini sono ancora più aperti: “Con i ricci sembravi un po’ Tele Spalla Bob.”

Parlano al passato, come se mettendo l’offesa al passato non potesse essere recepita come una vera offesa, perché ormai tu sei liscia. Come se al prossimo shampoo tu non ritornassi Tele Spalla Bob.

Mercoledì – Giorno 3

title (11)

All’ennesimo tuo selfie da liscia su Facebook, Giovanna, una delle tue migliori amiche si permette di commentare così: “Dovresti farti liscia più spesso. La mia amica Giuseppina, quella crespona, ha fatto il trattamento lisciante brasiliano alla cheratina l’anno scorso e le è venuto benissimo. Sì è liberata di tutto quel crespo…mamma mia, una persona diversa. Prima sembrava un leone. Potresti farlo anche tu, sai!”

Giovedì – Giorno 4

title (12)

Ed ecco qui, hanno tutti preso confidenza, un coro unisex all’unisono, in ufficio, su Facebook, Instagram e persino dal salumiere di fiducia:  “Finalmente hai trovato il modo di sistemarti quei capelli. Sembri più ordinata. Sì, ricci sono carini, però sono sempre fuori posto“.

Venerdì – Giorno 5

title (13)

Ma lo sai che hai degli occhi bellissimi. Prima con tutto quel cespuglio non si vedeva nulla.”

No comment.

Sabato – Giorno 6

title (14)

Una tua amica senza peli sulla lingua: “Per curiosità, ma ogni quanto lavi i capelli? Certo con i ricci lo sporco non si vede”.

Tutti cominciano a notare che il tuo liscio non è più al top,  un po’ crespo di là, un po unto di qua, piatto generale. 

D’altra parte sono passati 6 giorni. L’unica a non voler ammettere che è arrivata l’ora di lavarli sei tu, non vuoi mollare, vuoi resistere un giorno in più, un giorno in più da liscia. Anche se la testa ti prude e rilasci sebo dappertutto: sulla maglia, sulla federa del cuscino, sulla tastiera del tuo computer.

Domenica – Giorno 7

title (15)

E quando finalmente hai ceduto, ti sei lavata i capelli, ecco che tutti tornano ad avere parole dolci per i tuoi capelli ricci, come se fino al giorno prima non ti avessero spudoratamente fatto notare in tutti i modi che i tuoi ricci “avevano” tutti i difetti del mondo.

“Ah, ecco, ora ti riconosco. Senza questi ricci boccolosi non eri più tu!”