Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

No Comments

Come recuperare un balsamo che non districa abbastanza

Il tuo nuovo balsamo non districa i capelli? Leggi qui prima di buttarlo!

Un mese e mezzo fa ho comprato su internet un balsamo della Shea Moisture (vi avevo già parlato della versione smoothie senza risciacquo qui) che non avevo mai provato: Curl & Shine Conditioner.

Shea_moisture_coconut_hibiscus_curl_conditioner_the_glamour_shop__88184.1397406587.380.500

Odore fantastico con cocco predominante. Senza solfati e siliconi. Adatto anche per capelli colorati.

Unico problema: non ammorbidiva i capelli abbastanza, rendendo difficile sciogliere i nodi. E questo è spesso un problema dei prodotti senza siliconi. Infatti i siliconi si depositano sui capelli creando un “film” che è ottimo per districare i capelli. Per capire come funzionano i siliconi vi rimando a quest’articolo.

Legando spesso i capelli, soprattutto quando vado in palestra, mi ritrovo sotto la doccia con tanti nodi da districare. Quindi ho bisogno di un balsamo che mi faciliti il lavoro, come il mio preferito Devachan One Condition, di cui ho scritto diverse volte, che rende il districaggio 10.000 volte più semplice e veloce.

Comunque, dopo aver provato questo nuovo balsamo della Shea Moisture un paio di volte e aver constatato che non facilitava per nulla il districaggio dei nodi, il flacone è rimasto nella doccia a fare arredamento per diverse settimane, prima che io decidessi di buttarlo, sapendo che non lo avrei più usato.

Per fortuna proprio quando mi accingevo a buttarlo mi è venuto in mente di fare una ricerca su Google per capire se avessi potuto recuperarlo in qualche modo.

Ecco le tecniche che puoi provare per aumentare il fattore “emolliente” del balsamo e facilitare il districaggio.

1. Aggiungi dell’olio

La soluzione migliore è quella di aggiungere un un olio. I più indicati sono l’olio di cocco, l’olio d’oliva, jojoba.

Per la quantità, basta aggiungere un paio di cucchiaini alla porzione di balsamo utilizzata di solito. Aggiungerne ancora se l’effetto “scivoloso” ottenuto non fosse sufficiente.

Io ho provato direttamente con l’olio d’oliva, visto che di olio di cocco il prodotto ne conteneva già abbastanza e che in generale l’olio di cocco sui miei capelli ha un effetto che non mi piace.

2. Riscalda il balsamo

Il calore potrebbe aiutare il balsamo a penetrare meglio nel capello e rendere il districaggio più semplice. Se non lavate i capelli nella doccia, potete accendere il phon per qualche minuto per riscaldare i capelli dopo aver applicato il balsamo.

In alternativa, dopo aver preventivamente strizzato i capelli e applicato il balsamo, indossate una cuffia di plastica per qualche minuto. Il calore dei capelli e la plastica. Il risultato dovrebbe essere lo stesso.

Io non ho provato questo metodo, ma ne ho provato uno simile. La mia palestra ha la sauna e spesso faccio la doccia, applico il balsamo e poi entro in sauna per districare i capelli e rilassarmi. Ho notato che nel calore della sauna districare i capelli risulta molto più facile (oltre che rilassante).

3. Lasciate in posa il balsamo per un periodo più lungo

Se il tempo non è un problema, la soluzione potrebbe essere aspettare cinque-sette minuti prima di cominciare a districare i capelli.

4. Balsamo senza speranza. Utilizzatelo per…

Dimenticavo di scrivere che la prima cosa che ho scoperto ricercando su Google è che, anziché buttarlo avrei potuto riciclarlo utilizzandolo come emolliente sulle gambe per la depilazione con il rasoio, al posto del classico sapone o schiuma/gel da barba. Lo sapevate? Funziona benissimo.