Notice: Undefined property: stdClass::$latitude in /web/htdocs/www.capelliricci.it/home/web-cont-wp/plugins/duracelltomi-google-tag-manager/public/frontend.php on line 531

Notice: Undefined property: stdClass::$longitude in /web/htdocs/www.capelliricci.it/home/web-cont-wp/plugins/duracelltomi-google-tag-manager/public/frontend.php on line 531
6 verità su Fulvio Tirrico, il parrucchiere "re dei ricci" 6 verità su Fulvio Tirrico, il parrucchiere "re dei ricci"
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

16 Comments

6 verità su Fulvio Tirrico, il parrucchiere "re dei ricci"

6 verità su Fulvio Tirrico, il parrucchiere “re dei ricci”

Lo scorso dicembre, alcuni giorni prima di Natale sono stata nel salone milanese di Fulvio Tirrico, nella speranza di rimediare all’ennesimo taglio così così e con la curiosità di conoscere di persona Fulvio. Desideravo capire se la corona di re dei ricci di cui si fregia fosse d’oro o di spine.

E’ passato quasi un mese da quell’esperienza e ahimè, avrei voluto scrivere questo post a caldo, per raccontarvi il più possibile delle sensazioni, tecniche, consigli, ecc.

Purtroppo ho modo solo ora di mettere giù l’articolo, così succede che la memoria sia un po’ sbiadita. Voglio tuttavia condividere alcune verità su Fulvio Tirrico che ho scoperto durante la mia visita.

1. IL TAGLIO RESISTE

A distanza di quasi un mese, ad essere vivido, è il ricordo di una bella esperienza. Ma, a rendere davvero questo ricordo molto speciale, è sicuramente il segno che ha lasciato sui miei ricci: udite udite, il taglio mi piace, ancora!

Spesso l’insoddisfazione sale già dopo alcune settimane. Ancora più frequentemente, il giorno dopo il taglio.

Ma, lo ammetto, la maggior parte delle volte sono scontenta già mentre me li stanno asciugando…

Mentre tagliano mantengo la speranza, nutro aspettative e mi immagino i capelli bellissimi che avrò una volta uscita dal salone. Con che vestito li abbino? MI trucco di celeste? Organizzo una serata per portare in giro il mio nuovo taglio, anziché tornare a casa ad appiattirlo, testa contro i cuscini del divano.

Ma poi arriva, inesorabile, il momento dell’asciugatura, e minuto dopo minuto, più i capelli si liberano dell’acqua e più mi rendo conto che no, non sono venuti bellissimi. E, dannazione, non ho neanche un elastico per legarli appena uscita di qui. L’avevo lasciato a casa nella speranza che non mi sarebbe servito.

Invece questa volta è stato diverso. I miei ricci sono ancora belli e il taglio funziona alla grande. Non sono troppo gonfi, non si appiattiscono, hanno il giusto volume e le giuste proporzioni.

fulvio diffusore

 

 

2. FULVIO AMA DAVVERO I CAPELLI RICCI

Per esperienza personale, se “gli uomini preferiscono le bionde”, i parrucchieri preferiscono le lisce. Meno rompicapi, tagli più facili e comunque i capelli da bagnati sono uguali ai capelli da asciutti, non cambiano “da così a così”, come fanno i capelli ricci.

L’impressione che ho avuto da Fulvio è che lui i capelli ricci li ami davvero e che non ne voglia fare solo un business, come alcuni possono essere indotti a credere. La sua è passione vera. Lui stesso ha i capelli ricci e li porta con orgoglio. Chiaro che rispetto ad altri parrucchieri che non hanno il riccio come esperienza personale, riesce a comprendere il nostro “mondo”, i nostri bisogni e anche le cosiddette fisime mentali (per non essere volgari) che noi ricce, ammettiamolo, ci facciamo.

3. NON SEI UNA DELLE TANTE

Sono arrivata nel salone alle 5 e fino alle 8, ora in cui sono uscita, ho visto solo altre due clienti, una delle quali aveva quasi finito quando sono arrivata. Questo dà un’idea di quanto tempo Fulvio investa su ogni cliente. Benché fosse sabato e i parrucchieri in questo giorno cerchino di fare l’en plein e prenotare più clienti possibili, non ho visto un viavai stile catena di montaggio, che non hai neanche il tempo di fare due domande.

Fulvio ti sta dietro, dall’inizio alla fine, spiegando, dando consigli, facendoti capire perché voglia farti un certo taglio o un certo colore. Ti spiega passo passo ciò che fa, soprattutto nella fase del lavaggio e asciugatura, in modo che tu possa riproporre lo stesso procedimento anche a casa.

 4. I CAPELLI RICCI SI TAGLIANO DA ASCIUTTI

Questo l’avevo già imparato nel salone di Devachan a New York e Fulvio me l’ha riconfermato. Solo tagliandoli da asciutti si possono mantenere le giuste proporzioni e i volumi adeguati. 

5. HA IL GIUSTO APPROCCIO ANCHE CON IL COLORE

Questa per me è stata una bella scoperta. La maggior parte dei prodotti coloranti sono dannosi per i capelli ricci, perché contengono ammoniaca, che tende a disidratare e toglie definizione al riccio. Il suo consiglio è quello di optare per colorazioni a base di henné, che oltre a colorare è anche un trattamento curativo per i capelli. Lui preferisce applicare riflessanti o colorazioni con ammoniaca solo sulla ricrescita e henné sulle lunghezze e punte, ovviamente scegliendo sapientemente i colori per evitare contrasti troppo grandi.

6. VALE LA PENA?

Negli ultimi mesi ho ricevuto molte mail e messaggi di ragazze che mi chiedono se valga la pena prenotare un appuntamento da Fulvio Tirrico, il quale, oltre a ricevere nel suo salone di Milano, è spesso a Roma e a Bologna per accontentare la richiesta delle ricce del sud. Molte sono spaventate dal costo, circa 100 euro. Vero, superiore alla media. Nel mio paese un taglio e piega costa circa 30 euro, ma non c’è un parrucchiere che mi abbia mai soddisfatta. E ne ho provati davvero tanti. Nelle grandi città e nelle catene, quelle conosciute, un taglio e piega si aggira sulle 50 euro.

Vale la pena?  Questo è il mio parere:

– Se i tuoi ricci ti piacciono, così come il tuo taglio, se hai trovato il parrucchiere della vita, se sai già quali sono i prodotti giusti e non hai un rapporto di amore ed odio con i tuoi capelli, allora congratulazioni, fai parte del fortunato 5% delle ragazze con i capelli ricci. Continua così e investi i tuoi soldi in qualcos’altro!

Se invece fai parte di quel 95% delle ricce che ancora vagano alla ricerca del parrucchiere perfetto, guardano le lisce pensando “se solo avessi i tuoi capelli”, sono ancora tentate dalla piastra e hanno l’elastico sempre a portata di “polso”, allora, cara amica mia, benvenuta nel club. Considerando la sua esperienza, bravura e dedizione sui ricci, secondo me sì, vale la pena fare una puntatina da Fulvio Tirrico. Senza contare che l’esperienza va al di là del taglio e che si torna a casa con la sacca piena di consigli e trucchetti da poter applicare, ma sicuramente e soprattutto con un po’ più di amore nei confronti dei propri capelli ricci.